5 Francesco Sforza a Ottone del Carretto 28 aprile 1458

Originale [1]. Per le numerose integrazioni del documento, gravemente lacerato lungo la parte superiore del margine destro, ci si è serviti della minuta dello stesso documento. (Margine superiore destro del recto, margine inferiore destro del recto, margine superiore sinistro del verso).

Dux Mediolani etc.
Messer Ottho. Havimo recevuto le vostre lettere de dì XXI del presente et inteso q[uanto ne scrivete circa] le cose explicate per nostra parte ad la sanctità de nostro Signore in lo facto de domino A[luiyse Boleri, li] conti de Vintimiglia et nobili da Cochonato, nostri adherenti et re[commandati, contra] li quali lo illustre signor duca de Savoya se è promosto et procede de facto [et violentemente etc.], et quanto humanissimamente sua sanctità ha inteso le iustificatione nostre [et lo processo de questa] materia et resposto de provederli secundo richiede li obligi dela [liga. Le qual cose tutte] ne sono state gratissime et parne habiati usato diligentia et st[udio in exequire quelo] ve havimo commisso et volimo ne rengratiati sua beatitudine quanto [più possete, benché] non expectavamo però altra resposta che questa, sì per l’amore [che per sua gratia ne porta] sua sanctità, sì perché la causa nostra è honesta et iust[a, como ha potuto chiaramente] intendere. Ma perché diceti che sua sanctità ve ha dicto che ordinassi que[llo fusse necessario] et credete che ne participarebbe col reverendissimo monsignore cardinale de Fermo et, so[tto questo] colore, prenderia partito de richiedere le potentie dela liga ad mand[are loro] ambassatori lì in corte, scrivendo però etiandio opportune al prefato signore duca d[e Savoya], dicimo che credimo che sua sancitità, como sapientissima et che intende quanto errore (a) et inconvenienti poria seguire non li remediando, provederà quanto sarà expediente, pur nientedemeno, perché a nuy pare che quella via andaria molto in longo, maxime s’el se axpectasse questi .. ambaxato[ri], recordareti ad sua sanctità, et cossì ad lo prefato monsignore de Fermo et al nostro de Pavia, che fra questo mezo questi nostri amici et recommandati seriano disfacti, però ch’el .. duca de Savoya tuttavia li stringe et opprime, in modo che, non gli succorrendo, el facto loro andaria in dispersione. Però instareti che sua sanctità interim ne scriva uno breve de questo effecto: como l’ha inteso de questa novità et le iustificatione che sono dal canto nostro et che non solum como capo et conservatore dela liga è contenta de provederli, ma che anche gli pare non restiamo però nuy, s’el prefato illustre signor duca non se retrahe dala principiata impresa, de provedere expedienter, acio ché interim li adherenti nostri non restino desfacti et che più difficile sia dapoy la provisione, usando in questo de quelli remedii che ne parano neccessarii ad repellere la iniuria et violentia de dicti nostri .. recommendati, la qual cosa faremo servata ogni humanità che ne sarà possibile. Appresso scriva al .. duca de Savoya in effectu reprendendolo deli modi ha servati et serva et del venire ale arme, la qual cosa al tutto è prohibita ad qualuncha compreso in la liga, etiam ch’el havesse ogni rasone, perché de ogni differentia, simile o maiore, che naschi fra le potentie d’essa o membri o adherenti in essa liga, prima et principalmente se debbe deponere l’arme et restituire le cose in essere suo e starne al iudicio et determinatione de sua sanctità et deli altri dela liga. Et esso .. duca non ha facto veruna de queste cose et però li commanda [ch’el de]bbia revocare le gente et restituire le cose tolte et liberare el dicto domino Aluyse [Bol]eri et desistere da queste novità et violentie et stringerlo per tutte quelle [ras]one che parerano ad sua beatitudine, per provedere prestissimamente ad questa cosa, [subiu]ngendo che, facendo cossì, commandarà ad nuy che non procediamo ad niuna [via de] facto et che deponiamo le arme, aliter non vede commo possa honestamente [retrah]erne dalo adiuto et favore deli .. adherenti nostri, li quali non possiamo [abando]nare senza nostro grande incarico, maxime perché questa provisione ha [bisogni]o de celerità, como posseti vedere. Siché studiative et sforzative per ogni [modo che su]a sanctità facia questa provisione et scriva ad nuy et subito se mandi le [lettere] al dicto duca de Savoya. Et de quanto havereti facto subito ne avisareti, perché in vero ne dole per fina al’anima che li nostri .. adherenti in nostro conspecto et inanti ali ochii nostri siano disfacti et non mancho ne dole de havere necessitate de venire ale arme con il prefato illustre signor duca, lo quale reputiamo per nostro fratello et bon parente, pur extimiamo più l’honore che tutte le altre cose et per conservarlo ne serà bisogno fare provisione, como habiamo deliberato, de altro che de parole. Ben dicimo, et cossì volimo, che certificati la sanctità de nostro Signore che, quandocumque lo prefato signor duca facia como è dicto de sopra, [n]uy subito se retraremo et, reitegrando luy dal canto suo, reintegrarimo dal nostro. Datum Mediolani die XXVIII aprilis M°CCCC°LIII°.
Cichus.

(a) La lacerazione della parte superiore del margine destro forma una sorta di nuvoletta tipica dei fumetti. Nella parte inferiore questa nuvoletta presenta due pipette, la prima delle quali si insinua fra «er» e «rore» di «errore»; i due gruppi di lettere sono peraltro scritti lievemente staccati (cfr. il primo link sopra).
(b) Il recto della lettera finisce con «comanda», mentre il verso comincia con «bbia» (cfr. il secondo e il terzo link sopra).

[1] Si veda la nota 1 di Francesco Sforza a Ottone del Carretto del 13 aprile 1458.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...