Bartolomeo da Recanati ad Alfonso d’Aragona 26 maggio 1458

Copia.

Sacra et invictissima regia maiestas.
[…].
[…].
[…].
[…].
Scrive el marchese de Avarese, el quale sta ad Venetia per questo signor, che venetiani hanno facto grande festa dela venuta de questi francesi, perché dicono che non possono comportare nelo loro navigare la insolentia dela maiestà vostra et de vostri subditi et che in questo modo la vostra maiestà haverà altre faccende che dare molestia ad loro né ad altri, ma io spero che presto oderanno nova dela quale molto più se actristaranno che de questa cosa non se sonno alegrati, la quale Dio per sua mercé concederà che sia presta.
Volendo venire el signor Alexandro da Venetia qui, per visitare et scusarse con questo signor, la sua signoria glelo have expressamente prohibito et, per molti intercessori ce sonno stati, non have voluto comportare de vederlo. De que è montato in una barcha armata et tornasene ad Pesaro. Have mandato qui uno suo famiglo, chiamato Angelo de Atri, per expurgare la sua contumatia. Questo signor gle have facto una acoglentia così stranea, che omne uno have possuto cognoscere che gravemente scia turbato contra el dicto signor misser Alexandro né vole intendere parola né excusatione che ne sia facta. Et per questa non me occorre altro. Ali piedi de la vostra maiestà humilmente me recomando. Ex Mediolano XXVI madii 1458.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...