4. Una matassa da sbrogliare

Nel periodo compreso tra il febbraio e il giugno del 1458 è necessario interpretare correttamente alcuni eventi poco chiari che non è possibile ignorare. Si è visto che tra il febbraio e il marzo del 1458 Ludovico di Savoia non consegnò Ludovico Bolleri agli ambasciatori francesi. La forza per opporsi alla richiesta derivava dal fatto che il partito filoborgognone guidato da Jean de Compey stava prendendo il sopravvento su quello filofrancese, processo politico la cui conclusione è segnalata in GS11 del 28 marzo, lettera nella quale si è anche particolarmente ottimisti riguardo alla situazione del signore di Centallo. A questo punto, però, accadde l’imponderabile. Gli uomini del duca sabaudo attaccarono altre terre di Ludovico Bolleri: all’inizio di aprile, infatti, presero la terra di Demonte e la rocca di Vernante di Onorato, conte di Tenda, e il 25 dello stesso mese il castello di Demonte. Come si spiegano questi eventi alla luce del sistema dei personaggi? Come è possibile che il partito filoborgognone, in teoria favorevole a Ludovico Bolleri, ora ne attaccasse le terre?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...