Il Modello del Prigioniero: l’Asse della subiectione

Per illustrare la similitudine in modo chiaro, può essere utile rilevare come in essa vi siano tre termini in comune: vi è infatti un mandante, degli esecutori della volontà del mandante e un prigioniero.
Associando i tre termini a tre livelli, si delinea l’«Asse della subiectione» di quello che definiamo «Modello del prigioniero».

Asse della Subiectione

                     ▼

         Livello alto         (Mandante)
                 ↑
     Livello intermedio    (Esecutori)
                 ↑
       Livello basso         (Prigioniero)

A seconda che il prigioniero venga identificato con Ludovico Bolleri o Ludovico di Savoia mutano gli altri due termini.
Nella tabella sotto applichiamo il Modello del Prigioniero a Ludovico Bolleri.

Asse della Subiectione

                       ▼

         Livello alto         (Mandante)    Ludovico di Savoia
                 ↑
     Livello intermedio    (Esecutori)     Guardie
                 ↑
       Livello basso        (Prigioniero)     Ludovico Bolleri

Al livello basso vi è Ludovico Bolleri, prigioniero di Ludovico di Savoia, che si trova al livello alto ed è colui che, dopo averlo fatto catturare, continua a far tenere sotto custodia il signore di Centallo.
Al livello intermedio si trovano invece gli esecutori della volontà del duca, ossia le guardie che sorvegliano Ludovico Bolleri.
Ecco invece come si presenta l’Asse della subiectione di Ludovico di Savoia.

Asse della Subiectione

                     ▼

         Livello alto         (Mandante)    Carlo VII
                 ↑
     Livello intermedio    (Esecutori)     Jean de Seyssel
                 ↑
       Livello basso        (Prigioniero)     Ludovico di Savoia

Al livello basso si trova Ludovico di Savoia, prigioniero di Carlo VII, che si trova al livello alto ed è colui che fa tenere sotto custodia il duca.
Al livello intermedio vi sono gli esecutori della volontà reale: si tratta delle guardie di cui il re si serve per sorvegliare Ludovico di Savoia, ossia gli esponenti del partito filofrancese presenti nel Consiglio del duca guidati dal maresciallo di Savoia Jean de Seyssel.
È quindi il duca di Savoia il reale referente del titolo di SG3-All, a conferma del fatto che quest’ultimo documento non è una ricetta alchemica, bensì un’allocuzione al Lettore di cui Francesco Sforza si serve, lo ricordiamo, per dire: «Magnifico ambasciatore. Queste lettere sono false, ma non potrai dimostrarlo».
A questo punto non resta che identificare il mandante e gli esecutori dell’Asse della subiectione di Ludovico di Savoia, rintracciandoli nel Testo Giorgi-Sforza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...