1.1.5. Le informazioni di GS7, GS8, GS9 e GS10

Prima di esaminare i legami intercorrenti fra GS7, GS8 (datate 14 marzo), GS9 (17 marzo) e GS10 (19 marzo) da una parte ed SG13 (6 aprile) dall’altra, passiamo in rassegna le informazioni di GS7, GS8, GS9 e GS10 che consentono alle lettere di Corradino Giorgi di svolgere la loro funzione all’interno della serie.

Tabella 6: le informazioni di GS7, GS8, GS9 e GS10

GS7

 1 A dì octo del prescente ho ricevuto le littere dela signoria vostra, […], et in execucione de quele ha questo signore ho facto intendere lo X effecto de esse littere et usato, ale parte de substantia, le parole formale dele littere dela signoria vostra 
 2 XX il perché sc’è dimostrato molto contento he alegro, […], 
 3 ma, perché eran pur aalcuni de questi soi dicevano la la signoria vostra non havere dispositione e quelo amore verso soa signoria che demostrava la signoria vostra, aciò glilo potesse demostrare e farli mentire […], me disse gli desse in[sc]ripto quelo che oretenus gli havea explicato per parte dela signoria vostra. Io gli rispose, subridendo, ch’era certo soa signoria non me rechederea cossa me havesse rendere vergogna, però che non havea comiscione de cusì fare, il perché pregava soa signoria me perdonase he me havese per 0excuso, e romaste soa signoria contenta, sed tamen me prega volese scrivere la signoria vostra fosse cumtent gli desse inscripto […] 
 4 poi subiunse disse che la serenità del re Renato non havea altra casone che per lo X facto de domino Aloysio Bolero, alo quale gli replicai quanto me ha scripto la signoria vostra, 
 5 recordandoli ancora lo piacere ne farebe ala signoria vostra, […]. 
 6 Et como per altre mie XX ha potuto intendere la signoria vostra questi ambaxadori del re de Franza esser qui, videlicet el bailì de Bari e misir Gulirmo de Torai, […], he como hano rechesto a questo signore che domino Aloysio Bolero e Centallo sciano remissi in le mane del re de Franza […], dapoi quele questo signore fece avocare a sì tuto lo suo Consciglio, al quale fece comiscione dela resposta era da fare ali dicti ambaxadori, tra lo quale Consciglio, scecondo sonmo informato da misir Francescho de Tomatis, lo quale hè amico fidele dela signoria vostra e che ex illis è stato et hè de varie he diverse opinione, alcuni dicheno che questo signore hè obligato a remetere dicto domino Aloysio Bolero e Zentallo in le mane del prelibato re de Franza […]. Altri dicheno che meglo hè soa signoria remeta dicto domino Aloysio Bolero a determinatione he cognitione dela signoria vostra […]. Altri dicheno hè meglio che soa signoria prenda acordio cum dicto domino Aloysio Bolero he lui steso lo libera e restituischa […]. 
 7 Et in questa discusione e alterchatione sono stati fina al dì presente 
 8 e a questo dì hano resposto a questi ambaxadori che vadano, che soa signoria mandarà dreto soi ambaxadori, li quali informarano il predicto re de Franza ad plenum. 
 9 E dele soprascripte cosse n’azo advisato dicto domino Aloysio Bolero e factoli intendere ogni cosa, unde me ha resposto che serebe più contento de essere liberato qui […]. 
10 Item sapi la signoria vostra che questo signore manda ambaxadori a Venecia, tra li quali gli è misir Giotino, lo quale me à dicto vano per visitare il duce novelo, pur intendo vano per molte altre cose, le quale non poso sapere né intendere. 
11 Item da maistro Iohane Iacobo, medicho de questo signore, sonto informato el re de Franza hè infirmato graviter e questo dice dicto maistro Iacobo esser certissimo. 
12 Item hame dicto dito maistro Iacobo, […], esser trovato in locho, da poi questi ambaxadori sono qui, unde l’à intexo che lo re de Franza fa praticha cum vniciani molto streta de farli rompere guerra cum la signoria vostra da uno canto e lo predicto re debe rompere dal’altro et che per questa casone el predicto re ha deliberato mandare ambaxadori ala signoria de Venecia per concludere e, secondo esso intende, questi medesimi ambaxadori sono qui debeno esser queli gli debeno andare. 
13 Item sonto advisato che Iohane da Mansin, prima che gli dicti ambaxadori vadano a Venecia, venerà dala signoria vostra e poi andarà a Venecia e lui è quelo che conduce la barcha e tuto quelo dirà ala signoria vostra el fingerà. E perché poterà acadere fingerà venire dala signoria vostra e pasarebe da longo, m’è parso dare alcuni signali per li quali, […], la signoria vosstra lo possa cognosere. Et primo è de statura mancho pocho de homo comunale, magro in volto e palido et ha li ogi bianchi et è de etate de cinquanta ani e scuro in vista, li cigni grosi et bianchi et la voce grosa e parla alto, el naso longo e expigato, […]. 
14 Item sonto advisato che fra pochi dì questo signore me farà atastare sc’el XX me bastarea l’animo de pratichare liga fra la signoria vostra et soa, il perché prego la signoria vostra gli piaza farme advisato, sce fido temptato de ciò, como me debia gubernare e quelo debio respondere, avisando la signoria vostra che l’animo me basta. E questo hè opera de misir Francescho de Tomatis. 
15 Cum questi ambaxadori io non ho facto demostracione, né familiaritate, né domesticheza alchuna, he de quelo se contene in li soprascripti scripti non gli n’ò facto fare notitia alchuna, aspectando resposta dala signoria vostra de quelo havea scripto, he, intexo per la soa venuta he dapoi sono qui, sonto stato uno pocho sopra de me, investigando semper quanto faceano e diceano […].

 

16 Et a questa hora hé venuto uno merchadante veniciano, qual vene da Torso, dove se retrova lo predicto re de Franza, quale dice esser lo re de Franza infermo […].

GS8

17 Per mezanita de Iacobo Berema […], me sonto trovato cum uno notabile zentilomo de questo paise, lo quale ha nome Glaudio de Langino, et in secreto me ha dito dela praticha de veniciani et de Iohane de Mansin he dela liga […] 
18 dice havere casone de conferire cum la signoria vostra per par de una bona parte deli zentilomini he baroni de questo paise de Sabaudia e de dire cose ala signoria vostra le quale ve piazeranon, ma che non vrea venire se non havese qualche casone honesta et legiptima scusa de venire, et dice che hano deliberati queli che lo voleno mandare de prendere questa via, videlibet che la signoria vostra gli faza una littera de familiaritate tanto ampla quanto scia posibile et cum ie preminentie e prerogative e specificatione de salario como se fose vero famiglo dela signoria vostra, rechedendoli che a suo piazere vegna dala signoria vostra, quale gli fa servare il locho suo et mandare lì una litera de passo per quatro ho sei cavali in forma favorevele, he che, habuta la litera predicta, venerà dala signoria vostra, la quale intenderà quelo referarà […] me prega pregasse la signoria vostra che, volendo concedere dicte littere, facesse presto e che le havese de qua da Pasqua, però che la memoria havea a confrire con la signoria vostra era de tale natura ch’era bisogno de celere e breve expeditione e che, non havendo dicte littere al termino soprascrito, non poterebe venire dala signoria vostra et ali soi sarebe forza prendere altro partito. 
19 Et, aciò la signoria vostra intenda più largamente questo facto, dirò quelo intendo per altre vie et anchora comprendo per le pratiche se fano. El è vero che questo signore ha lo suo stato diviso in doe parte. Una al presente regna e guberna, aderise alo re de Franza e lo mareschalcho hè capo de bandera he hano conducto questo signore a tanta subiectione che sta sotoposto al re de Franza como fa la quaglia al sparavero, unde lo dicto signore, che se vorea cavare e liberare de asta subiectione, sce intende cum l’altra parte, che non è al presente de stato, dela qual misir Iohane de Compense è lo primo, e vorea farla saltare, la qual dubita a piglare la impresa senza spade, favore e secorso, besognando de qualche altro signore, e per questo hano deliberato de volere intendere dala signoria vostra se cum sua mezanità la signoria vostra vole fare liga cum questo signore. He questo intendo cercheano de uluntà he consentimento d’essto signore,

GS9

20 Per confirmatione de quelo ho scripto a vostra signoria per lo cavalaro dela praticha del re de Franza et de Iohane da Mansin et dela liga, questa matina, retrovandome cum domino Iohane de Compesio, dicto signor de Toreno, per lo acordio dela differentia ha con Iacobo Berreta, me ha usato dicto misir Iohane le infrascripte parole formale: «Coradino. Non so se tu sapie li zentilomini, conti, baroni et cavaleri de questo stato de Savoia esser divisi doe parte, dele quale monsignor lo maneschalcho è capo de l’ina, la quale è tuta franzosa, senza alcuno mezo, et quela al presente guberna et rege questo stato al suo modo et como gli pare, como tu vedi, non pesando sulo honore né su el bene né sul’utile de questo nostro signore, ma de adinpire li soi pesire et voluntate, et noi altri, quali al presente non semo de stato né de guberno he che cognosemo questo nostro signore esser cumdicto a tanta subiectione che non ardische fare se no como voleno, […], voremo prendere modo et via de liberarlo de tanta subiectione, unde cognosemo questo non ne potere seguire senza lo favore et inteligencia de alcuno altro signor, et maxime del tuo signore, duca de Mediolano, el quale, s’el volese che se intendesemo cum sua signoria, lo faremo fare liga et bona inteligencia cum questo nostro signore, 
21 he, non volendo dicto signore tuo havere la nostra inteligentia, ne sarà forza, per stare a casa nostra, haderirse cum la parte nostra inimicha, la quale continuamente praticha cum franzosi de metere gente d’arme insema et pasare li monti per andare adoso al duca de Mediolano, […]. 
22 Item aviso vostra signoria che questa hè le casone per la qual cerchano che quelo Glaudio de Langino XX vegna da vostra signoria per quela via ho scripto.

GS10

23 Al dì presente hè venuto uno ex marchionibus de Ceva de Bergogna quale […] dice […] che lo re de Franza hè infirmato in modo che non pò schampare de questa infirmità […].

Dopo avere ricevuto l’8 marzo le lettere del duca datate 23 febbraio (SG6 e SG6-PS), Corradino Giorgi si è recato dal duca sabaudo per effettuare l’ambasciata ordinata in quelle stesse missive (1). Ludovico di Savoia, soddisfatto per le parole sforzesche (2), ha chiesto all’inviato milanese di metterle per iscritto, perché alcuni della corte dubitano della loro sincerità. L’ambasciatore non ha però potuto acconsentire alla richiesta: il duca lo ha così pregato di scrivere a Francesco Sforza di permettergli di mettere l’ambasciata per iscritto (3). Ludovico di Savoia ha inoltre precisato che dietro le minacce di guerra di Renato d’Angiò si nasconde una sola ragione: la cattura di Ludovico Bolleri (4). Corradino Giorgi gli ha quindi ricordato la soddisfazione che darebbe a Francesco Sforza liberando il signore di Centallo (5). Per quanto riguarda la richiesta avanzata dai due ambasciatori francesi, di cui in altre lettere è stato segnalato l’arrivo (si tratta di Jean du Mesnil-Simon, signore di Maupass e governatore del Berry, e di Guillaume Toreau, segretario del re di Francia), di rimettere Ludovico Bolleri e Centallo nelle mani di Carlo VII, Francesco Tomatis ha informato l’inviato milanese che nel Consiglio sabaudo vi sono tre opinioni: di consegnare il signore di Centallo a Carlo VII oppure a Francesco Sforza o che sia il duca medesimo a liberarlo (6), prospettiva che lo stesso Ludovico Bolleri preferirebbe (9). Poiché non è stata presa alcuna decisione (7), si è risposto ai due francesi di tornare pure da Carlo VII: il duca sabaudo manderà suoi uomini che informeranno il re di tutto (8). Corradino Giorgi avvisa poi Francesco Sforza che Ludovico di Savoia invierà a Venezia un’ambasciata, di cui farà parte Guiotino de Nores (10) [7], e di avere saputo da Giovanni Giacomo, medico ducale [8], che Carlo VII, gravemente ammalato (11 e con altro informatore anche 16), se non addirittura in pericolo di vita (22), vuole stringere un’alleanza con Venezia contro Milano, servendosi proprio degli ambasciatori da lui mandati in Savoia (12), rispetto ai quali segnala di essersi mosso con circospezione (15). La missione francese sarà tuttavia guidata da Jean d’Amancier, colui «che conduce la barcha», descritto come un uomo di 50 anni, più basso della media, dal volto pallido e magro, con gli occhi «bianchi», le sopracciglia bianche e folte e il naso lungo, che parla a voce alta: prima della partenza dei due connazionali per Venezia visiterà Francesco Sforza, proseguendo poi il suo viaggio diretto anch’egli a Venezia (13) [9]. L’inviato milanese riferisce poi dell’intenzione del duca sabaudo, ispirato da Francesco Tomatis, di servirsi di lui per proporre una lega a Francesco Sforza (14) [10] e di un incontro con Claudio de Langin, il quale, oltre ad avere parlato dell’alleanza tra Francia e Venezia e della lega sabaudo-milanese (17), gli ha detto di essere stato incaricato da una parte ragguardevole dei signori della Savoia di recarsi dal duca di Milano per discutere di una serie di argomenti che saranno certamente di suo gradimento. Per evitare che il viaggio desti sospetti, gli interlocutori di Francesco Sforza gli richiedono di concedere a Claudio de Langin una lettera di famigliarità, facendogliela recapitare con urgenza entro Pasqua [11], altrimenti sarebbero costretti a «prendere altro partito» (18). Il ducato è infatti diviso in un partito filofrancese, che ora governa e ha assoggettato Ludovico di Savoia a Carlo VII, e uno antifrancese, guidati rispettivamente dal maresciallo di Savoia [12] e da Jean de Compey [13]. Per riacquistare la propria autonomia, il duca è entrato in contatto con il gruppo all’opposizione, che tuttavia esita a prendere l’iniziativa senza un appoggio esterno: i suoi esponenti hanno così deciso di proporre a Francesco Sforza una lega con Ludovico di Savoia (19). L’incontro con Claudio de Langin è stato seguito da uno con Jean de Compey. Quest’ultimo, dopo avere descritto a Corradino Giorgi la situazione politica del ducato, in modo del tutto simile a quello dell’inviato sforzesco, ha ribadito come il suo partito, per liberare Ludovico di Savoia dalla soggezione al re di Francia, abbia bisogno del sostegno del duca di Milano, al quale in cambio viene proposta una lega sabaudo-milanese (20): secondo Corradino Giorgi, il viaggio di Claudio de Langin a Milano sarebbe da mettere in relazione con questa allenza (22). Qualora Francesco Sforza non volesse impegnarsi, Jean de Compey e il suo gruppo, «per stare a casa nostra», non potrebbero che aderire al partito avverso, che è sempre in trattative con i francesi per conquistare il ducato milanese (21).

[7] Si veda al riguardo anche l’Appendice 1 di questo capitolo. A proposito di Guiotino de Nores riportiamo qui le brevi ed esaustive parole di Ernesto Pontieri (Carteggi diplomatici fra Milano sforzesca e la Francia, vol. I, Roma, Istituto storico italiano per l’eta moderna e contemporanea, 1978, p. 292, n. 2): «Ricco e potente uomo di fiducia di Anna duchessa di Savoia. Fu arrestato per ordine di Carlo VII nel 1455. Presto liberato, riacquistò il potere perduto, specie dopo la fuga di Giacomo di Valperga, suo nemico personale, nel 1456. Nel 1462, quando questi fu arrestato ed ucciso da Filippo di Savoia, egli rischiò la stessa sorte, ma, riuscito a fuggire, si rifugiò a Milano (cfr. anche Gabotto, Ferdinando, Lo Stato Sabaudo da Amedeo VIII a Emanuele Filiberto, Torino, L. Roux e C., vol. I, pp. 31-34).
[8] Il medico viene chiamato una volta «maistro Iohane Iacobo» e due volte «maistro Iacobo».
[9] A proposito degli uomini di Carlo VII può essere utile consultare Gaussin, Pierre-Roger, Les conseillers de Charles VII (1418-1461). Essai de politologie historique, «Francia», 10,1982, pp. 67-127. I tre inviati francesi non andarono a Venezia e nell’interrogatorio di Arcimbaldo de Abzat del 23 settembre 1458 (ASM, SCI, 756, Pavia) il mercenario dichiarò di non sapere «qua de causa dictus Iohannes de Mansi remansit et non venit pro eundo Venecias». Jean d’Amancier si sarebbe recato a Venezia nella seconda metà di marzo del 1459. Prima, però, Carlo VII lo fece passare per Milano, dove secondo Vincent Ilardi giunse nel settembre del 1458 (si veda al proposito CarloVII2, lettera datata 3 settembre 1458, e Ilardi, Vincent, The Italian League. Francesco Sforza and Charles VII (1454-1461), in Ilardi Vincent, Studies in Italian Renaissance Diplomatic History, London, Variorum Reprints, 1986, p. 151, n. 84) e dove più tardi fu raggiunto da Guillaume Toreau (CarloVII3, missiva del 21 novembre 1458). I due ambasciatori lasciarono Milano verso la metà di febbraio del 1459 (M44-125r [B], 17 febbraio 1459; a proposito del viaggio a Milano di Jean d’Amancier, che forse rimase nel capoluogo lombardo più di quattro mesi, si veda Fresne de Beaucourt, Gaston du, Histoire de Charles VII, Paris, Picard, 1891, vol. VI, pp. 241-242, e Perret, Paul Michel, Histoire des relations de la France avec Venise, Paris, H. Welter, 1896, vol. II, p. 310; per quanto riguarda Guillaume Toreau cfr. Fresne de Beaucourt, Gaston du, op. cit., pp. 243-244, e Perret, Paul Michel, op. cit., p. 312; ai due inviati di Carlo VII accenna anche Catalano, Franco, La politica italiana dello Sforza in Storia di Milano, vol. VII, L’età sforzesca dal 1450 al 1500, Milano, Fondazione Treccani, 1956, p. 130, n. 2). La missione francese a Venezia ebbe esito negativo, perché «the Venetians politely rejected a proposal for a Franco-Venetian alliance and declared their neutrality, refraining even from mentioning the Italian League» (Ilardi, Vincent, op. cit., p. 152, n. 87). Alla fine di gennaio del 1459 Carlo VII inviò a Francesco Sforza Jean du Mesnil-Simon, il terzo ambasciatore che circa un anno prima si era trovato presso il duca di Savoia (M44-127v [B]; cfr. Fresne de Beaucourt, op. cit., p. 247). Probabilmente Jean d’Amancier fu assassinato nel viaggio di ritorno da Venezia: nell’omicidio venne ritenuto implicato Ludovico Robaudi, segretario di Rinaldo Dresnay. Il 6 maggio 1460 Abramo Ardizzi riferisce infatti che secondo il governatore di Asti «prete Loyse è nel castello de Tuors et, […], imputato de sodomia, de incanti sive meleficii, et ch’el fu casone dela morte de Iohan da Mansy» (Ardizzi18). Le informazioni relative alla sorte di Robaudi sono contraddittorie: prima, infatti, viene riferito al duca di Milano che è stato ucciso su mandato di Carlo VII (Ardizzi14, del 26 marzo; Ardizzi15, 30 marzo; Granario1, 6 aprile; Granario2, 18 aprile), poi, invece, che è tenuto prigioniero a Tours (Granario3, 24 aprile e la già citata Ardizzi18). Proprio in quel periodo, il 6 aprile 1460, moriva Ludovico Bolleri (Saluzzo3): pochi giorni prima, il 28 marzo, aveva avvisato Abramo Ardizzi che «Die herina litteras recepi de curia magna regia a quodam meo amico, qui est homo autenticus, qui narrat verba formalia: “Aviso magnificentiam vestram sicut, […] dux Bertanie est in ista curia et pro posse tractatur quod dux aurelianensis sibi remittat iura que habet in ducatu mediolanensi et ipse capiet interpresiam etc.” Quid concludetur adhuc ignoro» (Ardizzi16, del 30 marzo). È inevitabile chiedersi se l’«homo autenticus» cui si riferisce il signore di Centallo non possa essere proprio Ludovico Robaudi.
[10] In GS7 vi sono dunque due riferimenti alla disponibilità del monregalese Tomatis verso il duca di Milano: ai punti 6, dove viene definito «amico fidele dela signoria vostra», e 14, dove risulta avere suggerito a Ludovico di Savoia di tentare un’alleanza con Milano. In GS12, del 5 aprile, Corradino Giorgi riferisce poi che «retrovandome cum misir Franzescho de Tomatis, me ha dicto havere mandato ala signoria vostra uno consciglio per lo quale el monstra la signoria vostra havere bona et optima rasone in lo duchato et iuste la signoria vostra possederlo et che per tuto el mondo lo vole substinire de rasone et che, sc’el potesse havere copia dela investitura del ducato del primo duca e cusì del duca Filipo, sce mai sce fece investire, che gli basta lo animo de provarlo più giaro e largamente e de meglo substenirlo e defensarlo. Item diceme dicto misir Franzescho che in brevi darà lo modo XXX ala signoria vostra de tore Ast al duca de Aurliens iuridice et iusta et cusì de havere Iannua senza imputacione dela liga italicha». Ma dopo la metà di aprile Tomatis viene messo da parte, come se il duca di Savoia se ne fosse servito unicamente allo scopo di rendere più credibile la sua proposta di alleanza. In GS15, infatti, del 18 aprile, si legge: «Lo introccluso scripto hè de domino Francescho de Tomatis, lo quale sce recomanda a vostra signoria per mile volte. E lo povero vegio n’à grande bisogno, però ch’è maltratato e in grande necesciatà. Sci che vostra signoria intenderà quanto el scrive, avisando ch’è cano de vostra signoria he d’è homo da fare bono concepto». L’inviato milanese prosegue poi scrivendo: «Lo suprascripto amico non ha dato né scripto suprascripto, però che anchora non era finito, […], ma prega vostra signoria gly scia recomandato, che l’è a grande strecta». Si noti che le parole riportate costituiscono i due ultimi capoversi in chiaro di una lettera in cifra: quasi a confermare la caduta in disgrazia del monregalese, le informazioni che lo riguardano non sono più coperte dal segreto della cifra. Dell’attività politica di Tomatis in favore di una lega sabaudo-milanese vi sono forse altre tracce nella documentazione consultata. Il 28 luglio 1457 Francesco Sforza gli scrive: «Explorata nobis vestri parte per virum nobilem Iacobum Berreti, […], plene intelleximus necminus instructionem per vos sibi datam nobis exinde in scriptis exhibitam pariter didicimus, ad que, cum responsione opus non esse videatur, nobis silentio pretermittendum duximus. Pro his tamen vobis debitas gratias refferentes, verumtamen ipsi Iacobo nonnulla vobis referenda nostri parte commisimus» (M34-292v di Missive 34). Più tardi, alla fine di dicembre, Giacomo Beretta informa il duca di Milano, probabilmente riferendosi proprio a Tomatis, di avere avuto «Dal’amico […] opusculum el qualle per fante propio ve lo mando talle qualle è. Bene credo piacerà ala signoria vostra, perché credo sarà bono e utille, […]. El dito amico bene vi supplca volia avixare la signoria vostra […], se la cossa vi piace ho non, che sicondo lo avixio arà dala signoria vostra dice provedarà anchora più oltra ad altre cosse sarano utille e honeste ala signoria vostra, […]». Beretta invia anche «una lettera che luy vi scrive sopra el fato de Genova, per la qualle, se piacerà ala signoria vostra, fareti dare risposa sopra a tuto et io lodo che ad ognia modo la faziati s[cr]ivere, perché vedo li va de bona fede ed è homo che à condute de grande [co]xe e secretamente e, per la opera vi manda, vedarà bene la signoria vostra se è persona de intendimento ho non e da bona fede a volere servire la signoria vostra, perché si rende certo sarà melio remunerato dala signoria vostra che non è stato da chi à servito tuto el tempo dela vita soua, che de ingratidunne lo remuneronno». L’«opusculum» non è stato inviato prima a causa dell’«infermittade del’amico e […] alcuno impedimento a me qui dato contra ognia ragione, com da ser Gullielmo, mio magistro e barba, sareti informato, ed è bene de necessitade la signoria vostra li meta la manno a non patire che uno tanto grandissimo torto e forza me sia fatto». Il 16 gennaio 1458 (M34-355r) Francesco Sforza segnala a Beretta la ricezione della sua lettera «con le scripture del’amico nostro le quale havemo vedute voluntieri et ne sonno carissime, […]. Nuy non scrivemo cosa alcuna per non havere casone de nominarlo, ma volemo bene da nostra parte el debii rengratiare summamente». Nello stesso giorno il duca di Milano scrive a Ludovico di Savoia di avere saputo che «latam esse sententiam contra Iacobum Beretam, incolam civitatis Gebennarum, in favorem […] domini Iohannis de Campesio in causa quadam inter eos tunc vertente, cum idem Iacobus querelam exposuerit eam fuisse inique latam requiratque […] ad dictam nullitatem»: l’«impedimento» cui accennava Beretta era dunque dovuto a un contrasto con Jean de Compey. Francesco Sforza richiede che «causam ipsam committere velit viris bene consientie et sientie ipsis partibus fidis qui eam cognoscant et decidant in quam breviori termino et cum qua minori fieri poterit partium predictarum incommoditate» (M34-354r-v). Il duca informa poi Corradino Giorgi di avere scritto a Ludovico di Savoia «in favore de Iacomo Bereta» e gli ordina di «fare ogni instancia et opera perché la causa […] de novo sia cognosciuta, non mancandoli dal canto tuo in tutto quello te serà possibile, perché ne faray cosa gratissima». Più tardi, il 21 febbraio, Francesco Sforza si compiace con il suo inviato, avendo «inteso che tu hay in le mane la differentia quale vertisse tra Iacomo Berreta, nepote de Gulielmino da Marliano, nostro citadino et mercadante, per una parte, et domino Zohanne de Compeso per l’altra, […], et quantunche siamo certi non te bisogna recomendare lo dicto Iacomo, perché l’è di nostri, nientedemeno, […], te lo recomandio» (M34-371v). Corradino Giorgi, dunque, ora si occupa della causa che oppone Giacomo Beretta e Jean de Compey: entrerà così in contatto con Claudio de Langin (Tabella 6, punto 17) e Jean de Compey (Tabella 6, punto 20). Per Francesco Tomatis si veda Marini, Lino, Savoiardi e Piemontesi nello stato sabaudo (1418-1601), vol. I, Roma, Istituto storico italiano per l’eta moderna e contemporanea, 1962, pp. 75, 83, 109 e 112; Castelnuovo, Guido, Ufficiali e gentiluomini. La società politica sabauda nel tardo medioevo, Milano, FrancoAngeli, 1994, p. 176, n. 62, p. 200, n. 50.
[11] Nel 1458 il giorno di Pasqua cadde il 2 aprile.
[12] Per quanto riguarda l’identificazione del maresciallo di Savoia, in Giorgi1-Es, del 10 dicembre 1457, l’inviato sforzesco scrive che «monsignor el manescalcho […] hè lo primo homo de questa corte he […] fa de questo signore quelo gly piaze», da lui «procede et proceduto la mazore parte del caso de domino Aloyse he […] ly hène più contrario». Secondo Gabotto, il maresciallo sarebbe «Gaspare di Varax piuttosto che il Seyssel, poiché lo dice “lo primo homo de questa corte”» (Gabotto, Ferdinando, Lo Stato Sabaudo da Amedeo VIII a Emanuele Filiberto, Torino, L. Roux e C., vol. I, p. 46). L’ipotesi che qui si avanza è però che non si tratti di Gaspard de Varax, bensì di Jean de Seyssel, signore di Barjact. Sin dall’8 aprile 1457 Francesco Sforza scrive a quest’ultimo che «Gratum admodum nobis fuit intelligere […] quam prompto animo se exhibuerit vestra magnificentia, quantam[m] operam dederit pro remissionibus malefactorum fiendis» (M34-244r di Missive 34; ai trattati di estradizione accenna brevemente Gabotto, Ferdinando, op. cit., p. 9, n. 5, e p. 42. n. 2). Pochi giorni dopo, il 16 aprile, il duca di Milano segnala ai signori del Consiglio cismontano di avere saputo che Arcimbaldo de Abzat «iussu vostro in terra Pinaroli detentum esse». Francesco Sforza prega che «ipsum Arcembaldum custodiri et non relaxari facere volint, donec ab illustri domino domino vostro, […], edocte fuerint quid de eo fuerit agendum nec enim ambigimus celsitudinem suam pro iure, amicitie et affinitatis, huiusmodi crimen molestum aeque ac nos habiturum esse» (M34-243v): il «crimen» cui accenna Francesco Sforza è l’aggressione e il furto compiuti da Arcimbaldo nel maggio del 1454 ai danni del consigliere ducale Tommaso Moroni da Rieti, di ritorno dalla Francia, dove era stato inviato come ambasciatore presso Carlo VII. Nel periodo successivo alle due missive citate il tema della detenzione di Arcimbaldo passa in secondo piano, soppiantato dalla questione relativa all’omaggio dei signori di Cocconato (si veda al proposito Gabotto, Ferdinando, op. cit., pp. 42-43 e 50; Durando, Edoardo, Un settennio di storia del comitato di Cocconato, «Bollettino storico-bibliografico subalpino», I, 1896, n. II-III, pp.124-138, n. IV-V, pp. 243-264), per la quale Francesco Sforza scrive anche a Jean de Seyssel (M34-247r). L’episodio della cattura del mercenario è confermato dall’interrogatorio dello stesso eseguito a Vigevano da Gentile Della Molara il 23 settembre 1458 (il documento si trova presso l’Archivio di Stato di Milano, SCI, 756, Pavia). Arcimbaldo narra che «recessit a terra Centallis, causa eundi in Dalfinatum, et, dum applicuit Pinarolum, spectabilis dominus Anthonius de Romagnano, […], fecit ipsum captivum». Più oltre il mercenario racconta di avere ricevuto da Ludovico di Savoia l’ordine di catturare Ludovico Bolleri («dux Sabaudie dixit dicto Arcimbaldo: “Facias taliter quod habeam dominum Ludovichum et eius filios et Centallem, quod sic sum dispositus, […]”, […] et hec omnia vollentibus et consentientibus domina ducisa, domino mareschalco Sabaudie»). Nell’interrogatorio il maresciallo, citato 9 volte, ma mai per nome, si conferma il «più contrario» al signore di Centallo: infatti, «Interogatus dictus Arcimbaldus quid debebat facere de domino Ludovicho, respondit quod dominus mareschalcus dixit ey: “Interfice eum”». In un altro interrogatorio di Arcimbaldo de Abzat, eseguito a Novara il 29 settembre 1458 (sempre all’Archivio di Stato di Milano, SPS, Atti e scritture giudiziali, 1586), il maresciallo viene menzionato 2 volte e in una identificato: il guascone riferisce infatti che «de anno MCCCC°LVII, de mense augusti, de die non recordatur, dum esset dictus Arcimbaldus in stufa penes cameram magnifici domini de Bargiath, mareschalli Sabaudie, videlicet in castro Giambariaci, dixit idem dominus mareschallus dicto Arcimbaldo, et presente domino de Lornay: “Quocienscumque accipies castrum Centalli, facias quod des dicto domino Ludovico ictus quatuor vel quinque daghe […]”». Alla luce di questa testimonianza riteniamo che il maresciallo segnalato nell’altro interrogatorio e quello «contrario» a Ludovico Bolleri di cui parla Corradino Giorgi in GS9 non debbano essere identificati con Gaspard de Varax, bensì con Jean de Seyssel.
[13] Jean de Compey era «favorito di Anna di Cipro, duchessa di Savoia, e capo della fazione cipriota. Nel 1448 comandante in capo dell’esercito savoiardo, fu battuto e preso prigioniero da Francesco Sforza a Castiglione. Soppiantato nei favori della duchessa da Gaspare di Varax, nel 1455 si indisse un processo contro di lui sotto l’accusa di assassinio. Nel 1462 si era rifugiato in Borgogna. Morì nel 1476 in combattimento» (Carteggi diplomatici fra Milano sforzesca e la Francia, a cura di Ernesto Pontieri, vol. I, Roma, Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, 1978, p. 374, n. 2; si veda anche Gabotto, Ferdinando, Lo Stato Sabaudo da Amedeo VIII a Emanuele Filiberto, Torino, L. Roux e C., vol. I, pp. 13-17, 20-22, 24-25, 28-31; Marini, Lino, Savoiardi e Piemontesi nello stato sabaudo (1418-1601), vol. I, Roma, Istituto storico italiano per l’eta moderna e contemporanea, 1962, pp. 58-59, 71-73, 77-79; Castelnuovo, Guido, Ufficiali e gentiluomini. La società politica sabauda nel tardo medioevo, Milano, FrancoAngeli, 1994, pp. 76-77, 169-170).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...