«In principio Dio creò il cielo e la terra»

Lo modo da dare la polvere da far dormire le guardie etc.

Primo. Le prese sono X per persone X, tutte seperate et tanto l’una quanto l’altra.
Item le dicte prese farano dormire circa VIII o X hore et, se ben costoro non dormissero, sarano fora de sentimento et tali che parerano como matti et debili et parerano che vogliano morire. Niente de mancho non morirano et farano acti et cose molto paze et, se ben, exequendo la cosa che se ha a fare, loro vedesseno quello se facesse, non se ha a temere questo, ma andare dreto et fugire, però che serano talmente fora di sé et debili, che non porano né conoscere né dire né obviare ad quello se farà, et anchora, se ben gli accadesse dire alcuna cosa che fosse a proposito, manche per questo se debia stare de andare dreto et fugire, perché serano fora di sé et pazi, como è dicto, avisando che, quando serano guariti, de tale caso non se recordarano de cosa sia facta.
Le dicte prese vogliono essere date in menestra, se l’è possibile, et maxime in menestra de lasagne con formagio et anche con qualche altra poca spetia et zafrano per colorarle, adciò non se acorzano dela polvere, benché la polvere habia similitudine de sapore al formagio et se vole dare con tale advertenza: che zaschuno ne habia la la presa sua et ch’el non gli ne remanga nissuno che non ne habia, ma che zaschuno se ne habia una presa secundo se manda neli cartozi et non più, adciò che non gli ne remanga veruno che non ne habia la sua parte et che veruno non ne mangia più de parte, però che chi ne mangiasse più de parte, zoè più che una dele dicte prese, gli poteria fare male, ma non che morisse.
Et, se per aventura non se gli potesse dare la dicta polvere in menestra, como è dicto de sopra, vedasse de darglila nel vino dolze torbido et con spetie, adciò non se possano avedere dela polvere, et ch’el sia apparichiato tanto vino dolze che basti, ma, perché nel vino non sarà così presta et bona operatione como saria nella dicta menestra, se vole compartere in questa forma, zoè quello se daria a cinque persone darlo a quattro, compartendo equalmente le parte per le taze, in modo che zaschuno ne prendesse la parte sua.
Et, quando in menestra o in vino non se potesse o non gli paresse de dare dicta polvere, se gli vole dare in pastelli, ita che ciaschuno habia la parte sua, como è dicto de sopra, ma el se vole fare li pasteli de tale forma che ciaschuno mangi el suo et che non gli ne avanzi niente, adciò che la cosa habia ad passare equalmente in tutti.
Ma se vole havere advertentia che, dando dicta polvere per menestra o per vino o per pastelli, como è dicto, la menestra o lo vino o lo pastello del’amico non gli ne habia niente et, se pur non se potesse fare che non gli ne fusse la parte sua, se vole providere ch’el non ne gusti, adciò non intervenesse a luy quello che intervenirà a chi ne gustarà.
Et, se questa polvere se darà per pastelli, se vole, quando serano cotti li pastelli, così caldi caldi levare la crosta de sopra et polverizarli suso la polvere con qualche altre spetie et poy retornargli la crosta, adciò che la vertù dela polvere non non manchasse de niente.
Et, se per caso advenesse che per esser scambiata la minestra o la taza o lo pastello al’amico, luy pigliasse dicta polvere et cadesse in lo errore, se vole providere primum che immediate rebutti fuori del stomacho ogni cosa over gli bevi dreto aceto assay et tanto ch’el butti fori ogni cosa et, se pur questo non bastasse ch’el non potesse contra la virtù dela polvere, se vole havere apparichiati lì alcuni deli soy che lo pigliano et lo portino via.
Et se vole providere sopra tutto che quisti ali quali se ha ad fare questa beffa non mangiano insalata né aceto, perché non è cosa che più smorzi la virtù dela polvere che fa l’aceto.
Et, se per caso gli fussero più persone che non sono li dicti cartozi de polvere, zoè più che X che guardasseno l’amico, non se vole dargli la polvere, ma mandare qua per de l’altra, che ve ne serà mandata tanta che bastarà per quanti serviereti.
Questa polvere starà ad comenzare de fare operatione da una hora fino a doe et tre et quanto più serano in loco caldo over haverano caldo, tanto più presto commenzarà ad fare operatione.
La prima cosa che operarà se gli farà dolere la testa, poy comenzarano ad dormenzarse et, se pur gli serà che non dormerà, farà acti et pazie, como è dicto de sopra, et per questo non se staga de fugire.
Ma se vole providere sopra tutto che lo amico non se movi ad fare niente né a fugire fin passato le tre hore dapoy che li guardiani haverano ricevuta la polvere et finché non li vederà o dormire o intrare in pazie, in modo ch’el veda de potere fare el facto suo.
Mediolani die X ianuarii 1458. Questa scriptura fo lecta et data ad intendere de verbo ad verbum al nostro illustrissimo signore in la camera sua del cane, presente el magnifico Cicho, magistro Stefano dali Denti et Zohan Biancho.

© Tutti i diritti riservati.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...